Posted in Italian

Download PDF by Dott. Bruno P. Pieroni (auth.): 90 anni di “Italie”: Appunti del decano dei giornalisti

By Dott. Bruno P. Pieroni (auth.)

ISBN-10: 8847025400

ISBN-13: 9788847025400

ISBN-10: 8847025419

ISBN-13: 9788847025417

Questo libro raccoglie gli appunti della vita professionale

di Bruno P. Pieroni, decano dei giornalisti medici.

L’idea nasce da una chiacchierata con amici in vista del suo 90esimo

compleanno, durante l. a. quale una collega, dopo aver ascoltato

alcuni episodi della sua lunga attivit� giornalistica, riguardanti

esperienze e personalit� di vario genere - da Gina Lollobrigida

a Nino Manfredi, da innovatori delle scienze mediche come

Edmondo Malan e Lucio Parenzan advert altri protagonisti del mondo

scientifico - gli ha suggerito di trasformare i suoi racconti verbali

in appunti scritti. Durante le vacanze estive Pieroni si è quindi

dedicato a scrivere queste pagine, con grande impegno

ma anche con grande divertimento. L’autore esprime l. a. speranza

che anche chi avr� l. a. ventura di leggerle, a sua volta, possa

in qualche modo divertirsi.

Show description

Read Online or Download 90 anni di “Italie”: Appunti del decano dei giornalisti medici PDF

Best italian books

Extra info for 90 anni di “Italie”: Appunti del decano dei giornalisti medici

Example text

In altre parole, vai avanti con le tue forze, non rompere e aiutati da solo. Per redigere testi accettabili sarà necessario che “impari a scrivere” alla loro maniera. ). Un filologo americano, incaricato di indicare come migliorare la leggibilità dei dispacci AP di modo che possano essere pubblicati senza ritocchi, suggerisce tra l’altro che il lead debba contenere da 17 a 19 vocaboli con non più di due polisillabi. Altri must di quel giornalismo di “frontiera”: citare sempre la fonte; attribuire le dichiarazioni a singoli soggetti (mai a due o più contemporaneamente perché la gente “non parla in coro”); riferire sempre l’opinione delle due campane (per esempio: sindacati e imprenditori) e così via.

A Gori, suo paese natale, c’è la carrozza ferroviaria attrezzata a ufficio dove lavorava quando si muoveva in treno. E infine il mio primo viaggio in Cina, evento che merita una trattazione a parte. Tra gli altri viaggi di lavoro: Tripoli, in Libia, dove - prima dell’arrivo del colonnello Gheddafi - si respira ancora aria d’Italia e si avverte l‘influenza del nostro Paese - ad esempio il lunedì, con i barbieri chiusi, e, all’aeroporto, dove la lingua ufficiale è l’italiano. In Egitto, a Il Cairo, per preparare l’inaugurazione di un laboratorio di produzione Pfizer (operazione da effettuare in modo soft, per non offendere i medici statunitensi di origine ebraica, che non gradirebbero tanta confidenza con un paese arabo e potrebbero boicottarne i prodotti).

Evidentemente siamo un Paese che non sa calcolare i suoi malviventi: sono sempre di più di quelli per i quali sono predisposti gli spazi penitenziari. D’altro canto, il dopoguerra è un periodo ”di piena”. Quando c’è, a metà mattina, l’ora d’aria e si aprono tutte le celle per scendere in cortile, è una vera bolgia. Delinquenti comuni già condannati mischiati ad altri in attesa di processo, soggetti sotto esame per crimini politici con altri appena arrestati, ancora in attesa di essere incriminati formalmente, e così via.

Download PDF sample

90 anni di “Italie”: Appunti del decano dei giornalisti medici by Dott. Bruno P. Pieroni (auth.)


by Brian
4.0

Rated 4.95 of 5 – based on 36 votes